English English
Français Français

CARAIBI A VELA Siamo nati con la volontÓ di aggregare persone con il comune interesse per i viaggi

 
Domenica 24 Settembre 2017 - 23:15




 Da Numana alle Tremiti

Le Isole Tremiti, definite per il loro incantevole fascino "le perle dell' Adriatico", distano circa 15 km dalla costa, al largo del Gargano. Un piccolo e unico arcipelago, formato dalle isole di San Nicola, San Domino, Cretaccio, Caprara e, un po' più staccata, l' isola di Pianosa, oltre ad un imprecisato numero di piccoli scogli, faraglioni, archi e smplici spuntoni di roccia che affiorano dal mare
Le acque cristalline delle Tremiti attirano migliaia di turisti e di appassionati di mare, nonché di sport nautici.
Altra peculiare caratteristica è la ricchezza morfologica, concentrata in un' area di modeste dimensioni; in soli 20 km circa di costa, questo arcipelago offre un' incredibile varietà di situazioni ambientali: coste basse con spiagge sabbiose, baie e promontori, rocce con falesie a strapiombo sul mare. La parte costiera alta e rocciosa è di natura calcarea e movimentata dalla presenza di numerose grotte. I fondali sono rocciosi e declinano gradatamente fino alla piattaforma continentale.
Tutta l' area marina è protetta e gestita, a partire dal 1995, dal Parco Nazionale del Gargano, che include nel suo perimetro anche la superficie terrestre delle isole.

Gli itinerari a mare sono svariati: si segnalano in particolare le bellissime grotte marine nell' isola di San Domino, su tutte la Grotta delle Viole, la Grotta delle Rondinelle e quella del Bue Marino. Un altro fra gli itinerari consigliati è certamente l' immersione nelle acque di Punta Secca di Caprara, uno fra i più ricchi di vita dell' intero mediterraneo, con fondali abitati da una spettacolare foresta di gorgonie rosse, presenti grazie alle forti correnti fredde e cariche di particelle nutritive abbinate alla ridotta illuminazione.
Per ciò che concerne gli itinerari a terra, si può affermare che tutto il promontorio è colmo di testimonianze storico-culturali.

Versione Stampabile